Home

Discografia

 

 

BIOGRAFIA

Amy Lynn Lee, nata il 13 dicembre del 1981, nella città di Riverside,
California, presto inizia a mostrare il suo talento per il canto e la musica.
Cresciuta tra West Pain Beach e Little Rock a soli 9 anni
impara a suonare il pianoforte e la chitarra. Amy cresce tra
l´affetto dei suoi genitori e presto diventa una bellissima adolescente.
È molto solitaria, infatti quando inizia a frequentare il liceo,
è sempre sola. Sempre al liceo si dedica alle attività artistiche,
lavora nel coro scolastico e ne diventa la direttrice.
 

I fondatori della band, Amy Lee e il chitarrista
e autore Ben Moody, si sono conosciuti da ragazzini.
"Eravamo in un camping estivo" ricorda Moody
"un bel giorno ho sentito Amy che suonava al piano
‘I’d Do Anything for Love’ di Meat Loaf.
Allora mi sono avvicinato per conoscerla e lei
ha cominciato a suonare per me. Mi ha
decisamente stregato e allora l’ho convinta
a entrare con me in una band". Da quel giorno
il rapporto musicale è diventato inossidabile.
"Abbiamo la stessa esatta visione di quello
che ci piace nella musica", dice Moody.
"Quando si tratta di scrivere le canzoni è
come se ognuno portasse a termine il pensiero dell’altro".
Sebbene il nome del gruppo possa far pensare
a qualcosa che si dissolve velocemente,
la musica degli Evanescence è fatta per
restare. "Fallen", il disco di debutto di questo
talentuoso quartetto di Little Rock (Arkansas)
per l’etichetta Wind-up Records (Epic), è
un lavoro etereo, ricco di emozioni e di
notevole forza, sotto la guida della
bellissima voce di Amy Lee. "Siamo decisamente una
rock band", dice la ventenne Lee.
"Ma la cosa particolare è che la musica della
band è epica, drammatica e dark."
"Fallen" è stato registrato a Los Angeles con il produttore
Dave Frontman (Boysetfire, Superjoint Ritual).
L’album riesce a trovare, con successo, quella sottile
linea di confine tra languida bellezza e durezza primordiale.
Il primo brano ben rappresenta la qualità del disco.
"Bring Me To Life" è una ballata al pianoforte, che
diventa un pezzo incendiario. Con la partecipazione alla
voce di Paul McCoy dei 12 Stones, la canzone appare nella
colonna sonora del film Daredevil.